sabato 19 novembre 2016

500.000 grazie!!

Buongiornooo! Grandissimo traguardo raggiunto!! Il blog ha raggiunto e superato le 500.000 visualizzazioni, mica brustolini!!! Nonostante il mio anno di stop dal mondo intero il blog ha continuato ad essere sbriciato, allora è stata proprio una buona idea aprirlo qualche anno fa! Purtroppo facebook mette i bastoni tra le ruote limitando il pubblico dei miei post, i mi piace sono meno, i commenti pochi, la pagina è addormentata ma il blog continua imperterrito e l'importante è che le mie ricette vi raggiungano in un qualche modo. Sono cambiate tantissime cose in questi anni, non solo nella mia vita privata, ma anche nel mondo. Sono vegana ormai da sei anni compiuti e superati, inizialmente ero un'aliena che voleva essere ' quella particolare', adesso sono 'quella che lo fa perchè lo fanno tutti', la società sembrerebbe essersi svegliata, lo dico a bassa voce perchè non si sa mai. Nei supermercati si trovavano solo due burger in croce e basta, col tempo i prodotti sono sempre più ed essendoci più domanda i prezzi si fanno più competitivi. Adesso va molto di moda l'essere alternativo e veg, ma grazie a loro ora posso mangiare fuori casa ed andare oltre le zucchine grigliate e la pasta la pomodoro! Grazie perchè non ne potevo più!! Ultimamente non mi sto cimentando troppo in ricette nuove, causa nausea che non demorde, ma sono fiduciosa che prima o poi finirà, sicuramente tra pochi mesi ahha
Vi mando un grande bacione a tutti e grazie che mi supportate da anni ormai

venerdì 28 ottobre 2016

Maschera per capelli nutriente

Buona sera ragazzi! 
Oggi inauguriamo una nuova sezione del blog, ovvero 'ricette di bellezza', saranno rigorosamente da me testate, prevederanno l'impiego di prodotti facilmente reperibili e ovviamente vegan. 
Partiamo con una maschera per i capelli facile facile, l'ho trovata nel web, l'ho provata una volta sola e non mi è dispiaciuta, gli ingredienti poi li avevo già in casa e mi son detta 'male non può sicuramente fare'. 
Cominciamo




Ingredienti:
- olio di oliva extravergine
- olio di mandorle
- mezza banana

Procedimento:

Mescolate 3 cucchiaio di olio di oliva a 3 olio di mandorla, aggiungete la banana tagliata a tocchetti e frullate tutto con un frullatore a immersione (ho tentato invano di schiacciare tutto con una forchetta ma è stata una guerra persa), se avete i capelli molto lunghi potete raddoppiare le dosi senza problemi. 
Stendete la maschera su tutti i capelli pettinati, massaggiate il cuoio capelluto per assicurarvi che la maschera sia stata stesa uniformemente. A me non sgocciolava nulla e ho tirato su i capelli sono con un ciappetto, tempo di posa almeno mezz'ora e poi lavate via tutto.
Consiglio almeno due passate di shampoo perché l'olio...unge...! E mangiatevi la mezza banana avanzata che fa bene anche al corpo. 
Per voi e solo per voi ho raccolto per proprietà nutritive dei singoli ingredienti (e non dite che non vi voglio bene!!)

OLIO DI OLIVA (fonte)"L’olio d’oliva, soprattutto se extravergine, è conosciuto da sempre in campo alimentare per la sua elevata qualità, nonché per gli effetti benefici sull’organismo. Non a caso, l’olio extravergine d’oliva è una delle basi della dieta mediterranea. Anche per l’applicazione esterna, però, questo ritrovato esprime tutto il suo potenziale: in particolare per la cura di pelle e capelli, dato il suo concentrato di nutrienti e vitamine. Da sempre utilizzato da mamme e nonne per la cura dei capelli, l’olio d’oliva aiuta cuoio capelluto e fibra grazie ad alcuni specifici elementi di cui dispone in abbondanza. In particolare la vitamina A, capace di contrastare gli effetti dell’invecchiamento, ma anche la vitamina E, insostituibile soluzione per combattere gli effetti dei radicali liberi e dei danni ai tessuti cellulari. Quindi i numerosi acidi grassi di cui l’olio di oliva è composto, tra cui l'acido linoleico, indispensabile per conferire morbidezza e disciplina anche per le chiome più difficili da trattare. L'olio di oliva può essere applicato su qualsiasi tipologia di capello poichè, di norma,risponde alle più svariate esigenze. Può essere utile per districare le chiome più disordinate, regalando così sollievo ai capelli ricci e secchi, ma anche aggiungere morbidezza, volume, luminosità e riparare alcuni dei danni quotidiani dovuti al sole, al phone e alla spazzola."


BANANE (fonte): "La banana contiene carboidrati, lo 0,4 % di grassi, fibre al 2,4 %, l’1 % di proteine, il 12 % di zuccheri, acqua per il 75 %, il 5 % di amido e lo 0,8 % di ceneri.  Ma vediamo nel dettaglio la composizione chimica della banana. I minerali presenti nella banana sono calcio, fosforo, magnesio, ferro, potassio,zinco, rame, fluoro, sodio e selenio. Molto importante la presenza di potassio che, grazie alle sue proprietà, è indispensabile per il funzionamento del sistema cardiovascolare, ed apporta parecchi benefici a molte altre funzioni dell’organismo umano. La banana è anche un frutto ricco di zinco, questo minerale può essere utile per rafforzare i capelli e prevenirne la caduta.Per quanto riguarda invece le vitamine la banana contiene vitamina A, vitamineB1, B2, B3, B5, B6, vitamina C, K e J. La banana contiene inoltre beta-carotene, alfa-carotene, luteina, zeaxantina, acidi grassi monoinsaturi, acidi grassi polinsaturi e acidi grassi saturi. Gli zuccheri presenti nella banana si dividono in saccarosio, destrosio e fruttosio. Questi gli aminoacidi: acido aspartico ed acido glutammico, alanina, arginina,cistina, fenilalanina, glicina, isoleucina, istidina, leucina, metionina, prolina, tirosina, treonina e valina"

OLIO DI MANDORLA (fonte): "Oltre ad essere fantastico sulla pelle, come sanno tutte le mamme che l'hanno usato contro le smagliature, l'olio di mandorle dolce è perfetto per trattare i capelli rovinati e sfibrati. E' ricco d acidi grassi e vitamine: A, B1, B2, B6, D ed E. La vitamina A li mantiene sani, le vitamine B1 e B6 - è stato provato - favoriscono la crescita dei capelli e la vitamina E è ricca di antiossidanti e favorisce la microcircolazione nel cuoio capelluto, favorendo così, di fatto, la salute dei capelli; mente gli acidi grassi penetrano a fondo nella fibra dei capelli idratandoli e nutrendoli 'dall'interno'. "

Qui potete trovare una recensione comparativa, a cura di NaturalmenteJo , tra l'olio di mandorla Fitocose e de i provenzali con tanto di inci. Ultimamente vivo praticamente in simbiosi con l'olio di mandorla, pancia e fianchi sono idratatissimi sperando di evitare le smagliature una volta che il pancione sarà proprio One. Una confezione di olio dura parecchio perchè ne bastano davvero poche gocce.
Spero vi sia piaciuta la prima ricetta di bellezza, con questa immagine di un capibara che se la gode vi auguro buona serata!

domenica 23 ottobre 2016

Brownies

Difficoltà:

Ingredienti:
-150gr di farina 00
- 75 zucchero di canna
- 60 gr di cacao zuccherato
- 1/2 bustina di lievito
- 125ml di latte vegetale
- 25 di olio di semi
- mandorle/nocciole/scaglie di cioccolata a piacere

Procedimento:
L'altra sera mi sono ritrovata con la voglia di fare un dolce ma gli ingredienti scarseggiavano, con un pochino di ingegno sono usciti fuori loro, i famosissimi brownies! Appena sfornati sono meravigliosi ma devo ammettere che anche per i due giorni successivi si sono conservati bene, se non fosse stato per la nausea (ormai fedelissima compagna di viaggio) sarebbero sopravvissuti molto meno!
Mescolate tutti gli ingredienti con l'aiuto di un cucchiaio di legno, ungete una teglia piccola (raddoppiare gli ingredienti se: avete diversi invitati, una teglia grande o se è sabato sera e volete 'uccidervi' di dolcetti sul divano davanti a brigette jones), versate il composto nella teglia e pareggiatelo con il cucchiaio, infornare a 180° a forno caldo, cuocere una mezz'ora, far raffreddare e tagliare a quadrettoni!
Sono stati ampiamente approvati dal mio moroso onnivoro e dalla sottoscritta, buon appetito a tutti e se la ricetta vi intriga lasciate un commento qui o su fb!


venerdì 14 ottobre 2016

Ciocorì


Difficoltà:




Ingredienti:
-100gr di riso soffiato al cioccolato
-200gr di cioccolato fondente
- facoltativo un cucchiaino di margarina

Procedimento:
Adesso vi farò commuovere richiamando alla memoria un dolce di qualche anno fa, da bambina mia madre lo faceva spesso e lo adoravo, ogni volta che capitavo in cucina era un'ottima occasione per acchiappare un pezzetto di ciocorì e scappare via. 
Non mi voglio prendere il merito di un dolce già esistente, vi racconto semplicemente come l'ho preparato in chiave vegan. Preparatevi perchè anche questa ricetta è impossibile. Con queste dosi è bello cioccolatoso, si può aumentare di qualche grammo il riso soffiato. Controllate sempre sempre sempre gli ingredienti mi raccomando, soprattutto se dovete stare attenti al glutine!
Fate sciogliere il cioccolato in un pentolino, a fuoco basso, giratelo spesso, mi sono aiutata con un cucchiaio in silicone. 
Una volta sciolto, a fuoco spento, versateci dentro il riso soffiato e mescolate. Ricoprite teglia di alluminio, versate il ciocorì all'interno e stendendolo uniformemente, mettete la teglia di frigorifero e aspettate almeno un paio d'ore. 
Tagliatelo a quadrettoni et voila!
Da qualche settimana ho messo in preparazione una ricetta lunga,laboriosa ma indubbiamente la più soddisfacente di tutte, l'anno prossimo diventerò mamma e le simpaticissime nausee, non mi mollano mai ma mai mai, condizionano un pò cosa cucino e cosa mangio. Conto che passino e di riuscire a illustrarvi la mia alimentazione vegan in gravidanza, mi farebbe molto piacere leggere esperienze di mamme veg (anche vegetariane) e come si sono comportante durante i nove mesi. 
Tranquilli, nessuna cicogna verrà sfruttata per il trasporto del pargolo/a, non dovrà portare un marmocchio per ore e ore avvolto in un lenzuolino. 
Da buona vegana lo troverò sotto un cavolo!! 
Un bacione enorme e buon appetito!!

lunedì 12 settembre 2016

Polpettine di riso

Difficoltà:



Ingredienti:
-risotto al pomodoro
-pangrattato
-acqua
-farina di ceci

Procedimento:

A pranzo mi ero preparata del semplicissimo risotto al pomodoro e a cena me ne sono trovata un misero avanzo che mi guardava con fare supplicante in attesa di conoscere il suo destino, detto fatto mio bel riso, vieni qua che ti appallottolo. Il risotto freddo si presta benissimo per le polpettine perchè è appiccicoso, è già gustoso perchè viene cotto col il brodo e non serve aggiungere chissà che ingrediente. Lavoratelo con le mani bagnate o diventerete voi stessi parte della polpetta, per la pastella basta fare un mix con acqua e farina di ceci, andate un pochino ad occhio, non deve essere ne troppo liquida ne troppo densa. Poi prendete la pallina bagnata e inpangrattatela, se la polpetta è piccola potete versare il pangrattato in un bicchiere, mettere la pallina dentro, muovendo il bicchiere lei rotolerà all'interno e si ricoprirà tutta. 
Ecco i tre passaggi:
                                  
Per comodità mi ero preparata le polpette un'oretta prima e le ho lasciate riposare in frigo, per cuocerle basta friggerle nell'olio bollente (ma va?!), non importa che siano annegate nell'olio, potete anche solo girarle. 
Spolverata di sale a piacimento et voilà! Se proprio proprio avete voglia di appallottolare riso eccovi la ricetta per gli arancini qui 
Buon appetito!

lunedì 5 settembre 2016

Farfalle con zucchine e mandorle


Difficoltà:




Ingredienti:
-farfalle
-cipolla
-zucchina
-panna vegetale
-mandorle
-curry

Procedimento:
Oddio oddio oddio oddio! Non posto una ricetta da una vita, non mi ricordo quasi più come si fa! Per chi mi conosce già sa che non mi spaccio per grande chef e il nome del blog è del tutto ironico, propongo idee semplici anzi semplicisssssime e cosa ci sarebbe potuto essere di più semplice di un piatto di pasta per rincominciare a postare? Come al solito le dosi valutatele voi in base a quanti siete a pranzo e non vi spiegherò come si cuoce la pasta perchè dovreste essere tutti più o meno in grado! 
I sughi per i miei piatti di pasta nascono sempre da grandissime elaborazioni filosofiche di ore e ore, in pratica apro il frigorifero e arraffo quello che mi trovo davanti...'zucchina ma sei ancora li??!! Vieni qua che ti do degna cottura'.
Mi piacciono più le cipolle rosse ma è mio gusto personale, tagliatela o a quadrettini o listarelle (che fa più scena) e lasciatele scaldare in un cucchiaio di olio per un paio di minuti, aggiungete le zucchine e lasciate sul fuoco, non abbandonateli li mi raccomando, dateci un'occhiata e una girata di tanto in tanto! Le mandorle vanno sbriciolate e giusto scaldate 30 secondi, panna e curry non necessitano di più tempo e potete unire tutto alla fine, una volta scolata la pasta versatela nella padella del condimento e mescolate un minuto tutti gli elementi insieme.
Versione gluten free: potete utilizzare pasta di mais e mi raccomando panna e spezie devono avere la dicitura 'senza glutine'!! 
Un bacione anche dalla mia personalissima assaggiatrice di verdure Dolly (Argo sta benone)
  

venerdì 12 agosto 2016

Sono passati mesi e mesi dal mio ultimo post, con nostalgia, ogni tanto, sono tornata sfogliare le pagine virtuali del blog e della pagina facebook, con commozione ho letto commenti dove mi si chiedeva che fine avessi fatto. Che fine ho fatto? Mi sono spenta, tra la fine di una relazione lunga una vita e la morte del mio cane mi sono spenta, morta. Non ho cucinato per mesi, ho perso me stessa negli angoli bui della città e non sapevo più dove battere la testa. Ho pianto giornate e mesi interi, ho messo le briciole del mio cuore in una scatolina cercando di non perderne nemmeno una. Ho perso fiducia nel mondo, ho lasciato stare il blog, ho mangiato poco e bevuto troppo, ho urlato e pianto ancora. I miei cuscini li ho stretti a tal punto da renderli parte di me. 
Ho cercato me stessa, ho cambiato il taglio di capelli, ho cambiato casa insieme ad Argo e Dolly, ho viaggiato dall'Inghilterra fino al Messico. Lentamente, molto lentamente sono risorta dalle mie ceneri fino a sentirmi dire che quasi non sono sembro più io per come risplendo. Splendo di luce mia. 
Ad un certo punto, quando meno lo credevo possibile, ho incontrato l'amore e quelle bricioline di cuore si sono unite tutte, chi l'avrebbe detto? Io, assolutamente convinta, non volevo più relazioni, basta! Basta! Vivrò sola sepolta dai conigli. Ed è arrivato lui. E tutto ha avuto un senso, tutte le lacrime, tutte le mie esperienze di vita mi sono servite per crescere e arrivare a lui pronta. Pronta per costruire un futuro, pronta per essere ben stabile sulle mie gambe e potergli tenere la mano. Per lui sono tornata a cucinare con passione, lui che è un onnivoro ora si trova a vivere con tre erbivori! 
Voglio rinnovare il blog, aria nuova, nuovo tutto! Ho sempre amato scrivere, non solo ricette, e vorrei trasmettervi l'ironia che mi contraddistingue. Alla fine sono sempre VeganChef88, una food blogger molto improvvisata che si è inventata un nome poco originale su due piedi, una pasticciona che odia le ricette lunghissime e piene di ingredienti strani. Vorrei ancora rendere la cucina vegana così semplice che sarà alla portata di tutti, semplice negli ingredienti e nella preparazione. Questa volta avrò l'implacabile giudizio di un onnivoro divoraformaggio. 
Pronti per questa nuova missione?Per arrivare là dove nessun vegano è mai giunto prima!